in , ,

Michele Merlo morte dell’ex di Amici: il padre Domenico alla ricerca della verità

Intervistato dal settimanale Visto, il padre di Michele Merlo deceduto prematuramente ha svelato alcuni particolari importanti.

Michele Merlo

A distanza di mesi dalla scomparsa di Mike Bird, alias Michele Merlo, si torna a parlare di lui, grazie all’intervista che il padre Domenico ha rilasciato al settimanale Visto. Una morte che poteva essere risparmiata.

E sono ancora tanti i quesiti irrisolti. Il padre in questi mesi ha cercato verità, risposte. Perché suo figlio è morto? Si poteva salvare? La struggente storia dell’ex protagonista di Amici di Maria De Filippi ha emozionato e commosso tutti.

Michele Merlo una morte che poteva essere evitata

Michele era l’unico figlio di Katia e Domenico. La sua perdita è una ferita ancora sanguinante, un dolore immenso con cui i genitori stanno ancora facendo i conti. A causare il decesso il 6 giugno del 2021 è stata un’emorragia cerebrale causata da una leucemia fulminante.

Mike Bird, così si era presentato al talent di Amici nel 2017, ha vissuto tra l’Italia e l’Inghilterra. Dopo aver scritto un libro e pubblicato due album, lo scorso maggio la scoperta inaspettata: ecchimosi alla spalla destra e sull’avambraccio sinistro.

Inizialmente non ha dato peso alla cosa, poi invece la corsa in ospedale per fare degli accertamenti. Esausto per la lunga attesa decide di andar via. Decise quindi di recarsi dal medico curante, che gli prescrisse antibiotici e una crema.

Due giorni dopo si recò nuovamente in ospedale, dove gli venne diagnosticata una tonsillite. Dimesso e rientrato a casa, nelle 24 ore successiva svenne ed entrò in coma. In ospedale finalmente accertarono la vera causa: leucemia fulminante. Ma dopo poco morì.

Il padre Domenico alla ricerca della verità

Domenico non si dà pace. Era possibile riuscire a capire la malattia dai primi sintomi? Secondo lui non è stata capita sin dall’inizio la gravità della malattia, quindi è stato impossibile garantire le adeguate cure.

Domenico è convinto di una cosa: se i medici che per primi hanno visitato il figlio avessero fatto degli esami di sangue probabilmente oggi Michele sarebbe vivo. Un’affermazione che troverebbe anche supporto nelle risultanze del pm della procura di Bologna, dove i genitori di Michele Merlo hanno presentato una denuncia.

Leggi anche Amici 20 news, Deddy di nuovo single? La storia con Mariasole Pollio in discussione

Michele Merlo, un’associazione in sua memoria

I coniugi Merlo insieme ad alcuni amici di Michele hanno costituito un’associazione che si chiama Romantico Ribelle. Scopo dell’associazione è quello di mantenere vivo il ricordo del ragazzo, far conoscere la sua arte e i suoi lavori.

E sosterranno anche i giovani artisti emergenti. I genitori di Michele così come tutti i suoi fan sono in attesa dell’uscita del suo ultimo disco postumo. Brani che parlano d’amore e sentimenti, con un velo malinconico.