in , ,

GF Vip, gaffe della regia: va in onda per errore un confessionale di Barù

La regia ha mandato in onda per errore un confessionale in cui Barù fa delle prese in giro poco gradite con due autrici

Barù
Barù

In queste ore stanno spopolando sul web dei video relativi ad un confessionale fatto da Barù con due autrici del GF Vip. Di solito, tali momenti restano privati, tuttavia, qualcosa è andato storto ed è stato trasmesso su Mediaset Extra. Sta di fatto che il pubblico da casa ha potuto apprendere tutto quello che il concorrente ha detto alle sue interlocutrici.

L’errore della regia del GF Vip: il confessionale discutibile di Barú

Di solito, la regia del GF Vip effettua dei tagli durante i confessionali con i concorrenti e manda in onda soltanto alcuni stralci più salienti delle conversazioni avute con i vipponi. Quello che è accaduto a Barù, però, è stato qualcosa di inaspettato. Gli autori, infatti, hanno commesso un errore grossolano ed hanno mandato erroneamente in onda un particolare confessionale del concorrente. A generare particolare sgomento è stato soprattutto il contenuto della chiacchierata avuta con i membri dello staff.

L’imbarazzante confessionale di Barù

Barù stava chiacchierando con due donne, il cui nome di una è Piera, che dovrebbe essere la psicologa del reality. Ad un certo punto, poi, la conversazione è diventa un po’ piccante, al punto che è stato intavolato un dibattito sulla depilazione. L’autrice ha dichiarato: “C’è una generazione contro il pelo. Su una donna condivido: il pelo è orribile soprattutto sotto le ascelle, ma sull’uomo no. Questi di oggi invece. Anche i miei figli si depilano, Madonna una roba tremenda!”. Di fronte queste dichiarazioni, le due autrici sono scoppiate a ridere e hanno detto: “Ah, la cultura dei terroni“.

I riferimenti spinti da parte del concorrente

Come se non bastasse, poi, improvvisamente Barù ha parlato anche di alcune pratiche sessuali. Nello specifico, ha detto: “La prolunga ci serve per l’aspirapolvere, non per masturba***. Una sera volevo fare l’asfissia, come si chiamano quelli che si masturba** e si impiccano e li trovi morti? Volevo fare un gadget. Non perché tanti suicidi non sono realmente suicidi”. Il pubblico è rimasto chiaramente basito da tali forti affermazioni.